Chelsea prossimo allenatore, Graham Potter, prossimo allenatore, Zinedine Zidane, Mauricio Pochettino, Ange Postecoglou, Brighton, notizie Premier League

Il Chelsea si muoverà rapidamente per nominare un nuovo allenatore sulla scia del licenziamento di Thomas Tuchel, con i nuovi proprietari che sperano di nominare un allenatore a lungo termine per supervisionare una rivoluzione allo Stamford Bridge.

L’attuale manager del Brighton e Hove Albion Graham Potter è in cima alla loro lista e i Blues hanno già ricevuto il permesso dai proprietari del Brighton di parlare con il manager.

Ecco perché il Chelsea desidera disperatamente sbarcare il capo dei Gabbiani e le sue altre opzioni se un accordo dovesse fallire.

PIÙ NOTIZIE

RAPPORTO: Bombshell PL come manager del Chelsea SACK Thomas Tuchel dopo una baldoria di $ 461 milioni

La risposta di Ronaldo che ha segnato il destino, come hanno rivelato le ragioni dietro l’ascia scioccante dei Blues

Vista del Regno Unito: “Decisione a scatti” – Rimane una domanda da 431 milioni di dollari dopo l’ascia d’urto

GRAHAM VASO

Graham Potter, 47 anni, non ha fatto irruzione nella scena della Premier League come allenatore. Invece, ha goduto di 17 anni di carriera nella scala degli allenatori, iniziando dall’ultimo posto dopo una carriera da giocatore di 13 anni nelle serie medie dell’Inghilterra. Ha iniziato gestendo programmi universitari di calcio a Hull, poi lavorando come assistente allenatore per la squadra delle università inglesi e poi alla Leeds Metropolitan University.

La sua prima pausa come mangiatoia lo ha visto trasferirsi in Svezia nel 2011 per prendere il comando dei pesciolini Ostersund. Ha fatto promuovere il club di quarto livello tre volte a rotta di collo, raggiungendo la massima serie per la prima volta nella sua storia. Non si è fermato qui. L’Ostersund ha vinto la Svenska Cupen e Potter ha guidato la squadra agli ottavi di finale di Europa League nel 2018 – con un budget ridotto a meno di 1 milione di sterline – battendo anche l’Arsenal 2-1 all’Emirates.

È stato un momento di rottura. Lo Swansea City, recentemente retrocesso, lo ha firmato per tornare in Premier League. Avrebbero fallito in quell’offerta, finendo 10 °, ma Potter aveva impressionato nella sua prima stagione in Inghilterra, facendo persino spaventare il Manchester City in FA Cup.

Guarda ogni settimana i migliori calciatori del mondo con beIN SPORTS su Kayo. Copertura LIVE di Bundesliga, Ligue 1, Serie A, Carabao Cup, EFL e SPFL. Nuovo su Kayo? Inizia subito la tua prova gratuita >

Il Brighton è arrivato e nel 2019 Potter è diventato improvvisamente un allenatore della Premier League. Da allora, è diventato una delle stelle manageriali del campionato, giocando un marchio attraente del calcio, dimostrando flessibilità tattica e innovazione e ottenendo risultati coerenti. Il Brighton è arrivato 15°, 16° e poi nono la scorsa stagione – il miglior risultato di sempre nella massima serie – il tutto vendendo costantemente le sue più grandi stelle e riuscendo in qualche modo a colmare comodamente le lacune. Nel frattempo, è stato elogiato per il modo in cui sviluppa la cultura di un club e unisce il gruppo di gioco. Un master in leadership e intelligenza emotiva potrebbe avere qualcosa a che fare con questo.

Altrettanto importante è il suo sviluppo di giovani talenti, qualcosa che il Chelsea crede sia mancato sotto Tuchel. Le giovani pistole Tammy Abraham e Fikayo Tomori sono state vendute. Billy Gilmour è stato venduto al Potter’s Brighton, mentre Levi Colwill è andato anche in prestito sulla costa meridionale.

Il periodo di Potter al Brighton lo ha visto individuare giocatori sottovalutati e coltivarli in grandi talenti, con Pascal Gross, Marc Cucurella, Yves Bissouma tra questi ranghi.

Era solo questione di tempo prima che Potter ricevesse la chiamata da un big six club – e il Tottenham era già stato precedentemente collegato a una mossa. Il suo sensazionale inizio della nuova campagna ha solo consolidato la sua fiorente reputazione. Il Brighton è attualmente un incredibile quarto posto in campionato, avendone vinte quattro e pareggiato una volta nelle prime sei partite. Ciò include una vittoria per 2-1 sul Manchester United nel weekend di apertura, ed è stata coronata più di recente con una straordinaria demolizione per 5-2 del Leicester nonostante abbia subito gol nel primo minuto.

Per i nuovi proprietari del Chelsea Todd Boehly e Clearlake Capital, guidati dal co-controllore del proprietario Behdad Eghbali, Potter offre un manager moderno che è allo stesso tempo incredibilmente dotato e vanta un impressionante curriculum di supervisione di progetti a lungo termine nei club, offrendo sia successo sul campo che una forte cultura fuori dal parco. Segnerebbe anche un netto allontanamento dall’approccio dell’ex proprietario Roman Abramovich di ingaggiare allenatori con molti trofei nel curriculum: Champions League o titoli nazionali. Il miglior risultato di Potter è il nono in campionato, dopotutto.

Il Chelsea dovrebbe sborsare oltre 12 milioni di sterline al Brighton per riscattare il suo contratto – oltre a pagare il contratto di Tuchel per circa 6,9 milioni di sterline – ma il club avrebbe dato il permesso ai Blues di trattare con Potter con un incontro programmato per mercoledì pomeriggio (locale).

Ma con i due club che hanno effettuato tre trasferimenti di giocatori nella finestra chiusa di recente, il terreno è pronto per Potter.

Il Telegraph riporta che i Blues: “potrebbero anche avere un nuovo uomo in posizione in tempo per la partita di Premier League di sabato a pranzo contro il Fulham”.

ZINEDINA ZIDANE

Secondo quanto riferito, la rosa dei candidati del Chelsea include anche Zinedine Zidane, il leggendario giocatore e allenatore francese. Zidane è diventato il primo allenatore a vincere tre titoli di Champions League di fila mentre era alla guida del Real Madrid (dal 2015-16 al 2017-18), ma è stato senza lavoro dopo che un secondo periodo di successo ai giganti spagnoli si è concluso lo scorso anno.

Anche lui è stato a lungo nella lista dei desideri dei club inglesi. Il Chelsea ha cercato Zidane nel febbraio 2019 per sostituire l’ex allenatore Maurizio Sarri, ma lui ha rifiutato. Zidane ha anche recentemente rifiutato un’offerta del Manchester United prima che firmassero Erik ten Hag.

Uno dei motivi principali alla base del rifiuto del Manchester United era che non parla correntemente l’inglese.

«La lingua, per esempio. Alcune condizioni rendono le cose più difficili. Quando mi viene detto: ‘Vuoi andare a Manchester?’ Capisco l’inglese ma non lo padroneggio completamente”, ha detto a L’Equipe.

So che ci sono allenatori che vanno nei club senza parlare la lingua. Ma lavoro in modo diverso. Per vincere, entrano in gioco molti elementi. È un contesto globale. So di cosa ho bisogno per vincere. E voglio mettere tutto dalla mia parte per ottimizzare la vittoria”.

Secondo quanto riferito, Zidane spera anche di poter sostituire Dider Deschamps come allenatore della nazionale francese, cosa che è molto probabile se Les Bleus dovesse deludere alla Coppa del Mondo di quest’anno.

MAURICIO POCHETTINO

Dopo essere stato licenziato dal Paris Saint-Germain a luglio, Mauricio Pochettino rimane uno degli allenatori di più alto profilo nel calcio che è prontamente disponibile.

L’argentino conosce bene la massima serie inglese, avendo trascorso ben oltre 300 partite in panchina di Premier League per Southampton e Tottenham Hotspur.

È stato a White Hart Lane che Pochettino ha ottenuto il maggior successo nella sua carriera manageriale, portando gli Spurs a pochi centimetri da un titolo di Premier League nella stagione 2016/17 e da una finale di Champions League nel 2018/19.

Ha anche svolto un ruolo fondamentale nel plasmare Harry Kane nella macchina da gol che è oggi.

Anche se non ha avuto il successo che avrebbe voluto al PSG, Pochettino ha acquisito ancora più esperienza lavorando con un serio potere da star nella sua squadra di gioco, una qualità che il frontrunner Graham Potter semplicemente non può vantare.

Tuttavia, l’argentino aveva precedentemente dichiarato che avrebbe preferito “lavorare nella mia fattoria in Argentina” piuttosto che gestire un rivale di ex club Spurs o Espanyol.

Certo, il Chelsea non è il diretto rivale del Tottenham, ma il gelido momento della stretta di mano tra Thomas Tuchel e Antonio Conte nella prima partita della stagione ha mostrato che non c’è amore perso tra le due divise londinesi.

Pochettino al Chelsea ha senso, ma è la mossa che vuole Boehly? Il tempo lo dirà.

ANGE POSTECOGLOU … A BRIGHTON

Se Potter se ne andasse, e le cose stanno andando così, il Brighton sarà alla ricerca di un nuovo manager.

I Seagulls hanno dimostrato di essere un club scaltro quando si tratta di trasferimenti, estraendo ogni possibile centesimo dal club acquirente e sostituendo le stelle scomparse con alternative più economiche che crescono e prosperano all’Amex.

E il favorito per il lavoro a Brighton, secondo un mercato delle scommesse è: Ange Postecglou.

Betfair ha ancorato l’australiano davanti alla concorrenza a $6.

Postecglou ha supervisionato una rivoluzione da quando ha preso il posto del Celtic nel 2021, guidando gli Hoops verso uno scudetto e una Coppa di Lega scozzese nella sua prima stagione.

Tuttavia, l’ex stella del Celtic Chris Sutton crede che un trasferimento a sud per Postecglou sarebbe un “downgrade”, soprattutto dato che il Celtic è in viaggio in Champions League.

“Ange Postecoglou sarà legato a lavori manageriali in Premier League e sono sicuro che alla fine andrà a sud, ma ha appena iniziato al Celtic e sta costruendo qualcosa di speciale”, ha scritto Sutton su Twitter.

“Di certo non farebbe ancora il downgrade a un club delle dimensioni del Brighton… perché dovrebbe?”

.

Leave a Comment