Da Parigi a Madrid, dall’UFC alla Liga, il viaggio europeo di Brandon Moreno porta il suo marchio a un livello superiore

MADRID — BRANDON MORENO ha partecipato a una festa VIP venerdì, settembre. 2, alla Torre Eiffel. L’invito è stato fatto da Ari Emanuel, CEO della società madre UFC Endeavour.

Affacciato sulla Città della Luce, il campione ad interim dei pesi mosca dell’UFC e il suo manager, Jason House, hanno chiacchierato con Emanuel poche ore prima dell’UFC Paris. La conversazione ruotava attorno ai piani di espansione dell’UFC in America Latina – incluso l’imminente UFC Performance Institute a Città del Messico – e su come Moreno, il primo campione messicano della promozione, li tenesse conto.

“[Emanuel] è stato semplicemente molto lusinghiero”, ha detto House a ESPN. “È molto eccitato per il futuro e gli abbiamo detto lo stesso. Siamo molto entusiasti di far parte del suo processo e di essere un mattone nelle fondamenta”.

Moreno, nato a Tijuana, è già il volto dell’UFC in Messico e un ingranaggio nel futuro dell’azienda in America Latina. Il presidente dell’UFC Dana White lo ha definito il mese scorso “una delle più grandi star del roster”.

Ma Moreno ha fatto il viaggio in Europa quest’estate per espandere il suo profilo ancora di più a livello internazionale. Ha visitato l’Italia, Parigi e la Spagna, dove è stato scortato a Valencia e Madrid dai dirigenti della Liga, la leggendaria lega di calcio del paese, nell’ambito di una collaborazione con l’UFC.

“Capisco che il mio mercato è in Messico e negli Stati Uniti, giusto?” ha detto Moreno. “Ma per me è molto speciale andare in un paese completamente diverso, in un posto dove non mi aspetto nulla. Non mi aspetto che il ragazzo conosca il mio nome o altro. Ma la gente conosce il mio nome e me lo chiede un autografo o qualsiasi altra cosa. È anche speciale. L’obiettivo in questo momento è essere più riconosciuti in tutto il mondo.

Fa tutto parte del piano, disse House. È iniziato a marzo quando Moreno è andato all’UFC di Londra per fare alcune apparizioni sui media.

“Penso davvero che il nostro obiettivo sia rendere Brandon una star globale”, ha detto House. “Non solo una star in Nord America. Ma per aumentare la nostra presenza in questi mercati. Questi sono grandi mercati in cui l’UFC si sta espandendo e desideriamo far parte di quella crescita. Assicurati che Brandon stia capitalizzando le opportunità che il suo il successo si è presentato”.


MORENO HA COPERTO IL SUO bocca con le mani, quasi in soggezione. Enrique, lo chef del famoso ristorante Casa Navarro di Valencia, ha mostrato la sua famosa paella sulla tavola, che si affacciava sulla spiaggia.

Dall’altra parte del tavolo rispetto a Moreno per il pasto della domenica pomeriggio c’era il potenziale peso piuma UFC Ilia Topuria, che vive ad Alicante, a circa due ore a sud di Valencia. Dopo pranzo, i funzionari della Liga hanno portato i due combattenti al Mestalla, lo stadio di 99 anni della squadra di calcio del Valencia CF. Moreno e Topuria hanno parlato con i ragazzi delle accademie del Valencia e poi hanno fatto un giro dello stadio d’epoca dalla guida Melanie Gasulla.

Fuori dallo spogliatoio di casa, Moreno e Topuria hanno incontrato i giocatori prima della partita e hanno potuto vedere il campo, dove entrambi hanno scherzato con la mascotte del Valencia Super Bat. Topuria ha persino messo a terra il personaggio con un takedown a gamba singola per ridere. In seguito, sono rimasti per la partita, una vittoria per 5-1 per il Valencia sul Getafe.

Moreno e Topuria sono stati entrambi inondati di richieste di foto da parte dei fan durante la loro permanenza al Mestalla. Dopo la partita, c’erano dei tifosi in attesa fuori dallo stadio a cui è stato detto che i giocatori erano già partiti. I fan hanno detto che erano effettivamente lì per vedere Moreno e Topuria.

“Li chiedevano”, ha detto il vicepresidente nordamericano di LaLiga Nicolas Garcia Hemme. “Li conoscevano.

Quando LaLiga e l’UFC hanno escogitato l’idea di collaborare – la convinzione è che ci sia un enorme pubblico incrociato tra gli ispanici americani – i dirigenti della lega spagnola hanno chiesto che Moreno venisse specificamente.

“Brandon è incredibile”, ha affermato Adrian Segovia, responsabile dei contenuti e della distribuzione di LaLiga North America. “E’ un esempio di padre di famiglia. Sta diventando una leggenda per [the UFC]. È un vincitore. Ma è anche un padre di famiglia con tutti i concetti verso cui le persone si stanno muovendo. Pensiamo che sia davvero qualcosa che si collega ai valori della Liga”.

L’esperienza è stata di grande impatto per Moreno, che è cresciuto umilmente a Tijuana giocando ai videogiochi FIFA e lavorando per l’attività di piñata dei suoi genitori. Il giorno dopo, Moreno è stato portato in treno a Madrid per visitare il Cívitas Metropolitano, la casa dell’Atlético de Madrid della Liga. E mercoledì, Moreno sarebbe andato in visita con l’iconico club del Real Madrid dall’altra parte della città.

“La Liga dalla Spagna è pazza, amico”, ha detto il 28enne Moreno. “Ha molta storia e molta cultura calcistica. È stato fantastico”.

Questo è il tipo di opportunità che Moreno sta cercando di sfruttare, tuttavia, nel tentativo di costruire il suo nome.

“Sedersi sul mio divano non è il modo per attirare più attenzione e più occhi sul mio marchio personale”, ha detto Moreno. “Ho bisogno di uscire e incontrare più persone e più folla. Ecco perché siamo qui”.


IL PIANO ATTUALE, ha detto House, è che Moreno combatta il campione Deiveson Figueiredo per unificare il titolo dei pesi mosca UFC. È probabile che l’incontro abbia luogo all’UFC 283 di Rio de Janeiro, in Brasile, il paese d’origine di Figueiredo.

Moreno e Figueiredo si sono già incontrati tre volte. Il primo incontro, a dicembre 2020, è stato un pareggio a maggioranza e uno dei migliori combattimenti di quell’anno. Moreno ha vinto la rivincita per sottomissione nel giugno 2021 diventando il primo campione di origine messicana nella storia dell’UFC. Figueiredo ha poi avuto la meglio su Moreno all’UFC 270 a gennaio grazie alla stretta decisione unanime di riconquistare la cintura.

A UFC 277 il 30 luglio, Moreno ha battuto Kai Kara-France tramite TKO al terzo round vincendo il titolo ad interim, che è stato messo in palio perché Figueiredo si era infortunato a entrambe le mani. Se e quando Figueiredo e Moreno si incontreranno di nuovo, sarà la prima volta nella storia dell’UFC che due combattenti si sfideranno quattro volte.

“Per me e Brandon, la parola che usiamo sempre è eredità”, ha detto House. “Penso che in questo momento stiamo scrivendo capitoli della sua eredità. E il quarto incontro con Figueiredo, fare quella quadrilogia è una parte molto importante di quell’eredità. Siamo davvero entusiasti di vincere questo e cementare il posto di Brandon come uno dei i migliori campioni di sempre nella divisione pesi mosca e poi affronta gli sfidanti emergenti che si presenteranno”.

Dopo aver vinto il titolo nel 2021, Moreno ha intrapreso un lungo tour mediatico in Messico, incluso un viaggio per incontrare il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador. Moreno è amato nel suo paese d’origine e House è fiducioso che il suo cliente potrebbe fare il tutto esaurito allo stadio Caliente di Tijuana – più di 25.000 persone – in questo momento. È un percorso MMA che è stato aperto per primo da Cain Velasquez, il primo combattente messicano-americano a vincere il titolo dei pesi massimi UFC e uno dei migliori combattenti di sempre a competere in quella divisione.

Velasquez si è separato dall’UFC nel 2019 ed è stato recentemente accusato di tentato omicidio premeditato e accuse multiple di aggressione con armi da fuoco nel marzo 2022.

“Penso che Cain ci abbia aperto molte porte”, ha detto House. “Penso che abbiamo continuato ciò che Cain ha iniziato. Cain ovviamente ha avuto un’enorme influenza in America Latina, in Messico. Penso decisamente che abbia creato opportunità per noi che siamo stati in grado di portare al livello successivo. E qualcuno si spera arrivi dietro le nostre orme e lascia stare meglio”.

Anche questo è uno degli obiettivi di Moreno. Vuole portare le MMA messicane e latinoamericane a livelli più alti, ma non solo per lui, anche per la prossima generazione di combattenti. Moreno ha detto di averne parlato anche con Emanuel.

“Ovviamente, lo faccio per me stesso, per essere il migliore e fare qualcosa per la mia famiglia”, ha detto Moreno. “Ma allo stesso tempo, se posso fare qualcosa per altre persone, lo farò. Lo prometto. Ari sembra molto felice, molto motivato riguardo alle idee per il futuro per il Messico e l’America Latina, in generale”.

White ha da tempo affermato di volere una stella UFC nostrana dal Messico. “Ne ha uno adesso”, disse House. E Moreno e la sua squadra non hanno intenzione di fermarsi lì. A settembre 5, Moreno ha parlato del suo desiderio di combattere davanti a uno stadio di calcio gremito in Spagna, come il Cívitas Metropolitano, una splendida struttura high-tech che può ospitare più di 68.000 persone.

Non male per un bambino che ha avuto un’educazione modesta a Tijuana.

“A volte, cerco di non pensarci troppo”, ha detto Moreno. “Sento pressione ogni giorno. Amico, a partire dal bisogno di combattere contro un altro ragazzo, questa è pressione. Combattere davanti a migliaia di persone, più pressione. E cinture, più pressione. I media.

“Ma sicuramente, è molto bello pensare a come il mio lavoro sta andando in giro per il mondo ed essere riconosciuto dalle persone, dall’UFC, dai fan. È bello”.

.

Leave a Comment