Il Man City ha mantenuto la corona della Premier League grazie al fermento sul campo di allenamento e al genio individuale

Disastro non è una parola associata a molto nel campo di allenamento del Manchester City. Ma è così che la squadra inglese è stata scherzosamente descritta in questa stagione.

Non quella squadra dell’Inghilterra. No, questo è il gruppo nostrano della rosa di Pep Guardiola. Sono stati, per un lungo periodo, perdenti perenni in quel tipo di partite che provocano un vantaggio competitivo prima dell’inizio delle sessioni di allenamento.

Le altre tre squadre si sono divertite moltissimo. Questi sono mini tornei sporchi, che potrebbero includere una sfida con la traversa o un head tennis, tutte cose abbastanza semplici. I concorsi non accadono tutti i giorni, ma abbastanza spesso da dare il diritto di vantarsi.

Il Manchester City ha sconfitto gli acerrimi rivali del Liverpool e ha mantenuto il titolo di Premier League

Pep Guardiola ha mostrato il suo pedigree di allenatore portando il City a titoli nazionali successivi

Pep Guardiola ha mostrato il suo pedigree di allenatore portando il City a titoli nazionali successivi

L’Inghilterra non ha potuto comprare una vittoria fino a quando non ha rotto l’anatra di recente. Kyle Walker è partito per la City Football Academy in una festa sfrenata, un flashback del ballo di Wembley di Nicky Weaver dopo la vittoria della finale degli spareggi di Division Two 1999 del club.

“Era come se avesse vinto il titolo”, ha riso una fonte.

Walker ne ha vinto un altro vero e proprio adesso. Insieme a pochi altri, è il suo quarto in cinque stagioni sotto Guardiola. Due volte il City ha difeso la Premier League, qualcosa che non era stato fatto dai tempi di Sir Alex Ferguson allo United prima che il City lo facesse per la prima volta nel 2019.

Hanno nuovamente sconfitto Liverpool e Jurgen Klopp, che Guardiola considera il suo più grande rivale, durante un’altra corsa implacabile verso il traguardo.

Come tre anni fa, i margini sono minuscoli. L’ampiezza della manica di Rodri in trasferta all’Everton – quando ai padroni di casa è stato negato un rigore nel finale – il Liverpool potrebbe discutere, anche se il City punterà ad arbitrare durante il pareggio per 2-2 ad Anfield in ottobre e il motivo per cui non sempre ottieni quello che vuoi.

Il modo in cui il City ha vinto questo trofeo è sostanzialmente simile a quello dell’anno scorso. Un inizio lento, anche se non così lento, seguito da una serie di vittorie durante l’inverno, anche se non così tante.

Hanno ottenuto risultati azzeccati, come battere il West Ham 2-1 sotto una forte nevicata quando si temeva che l’opposizione di qualità, unita al tempo, creasse problemi. Ilkay Gundogan e Fernandinho, due statisti più anziani che non erano più nell’undici titolare preferito di Guardiola, hanno segnato quel giorno.

Più tardi quella settimana, quando il City è alle prese con Covid e infortuni – avevano solo 10 giocatori di campo senior in forma – Raheem Sterling ha consegnato quello che alcuni al City hanno visto come il suo “miglior gioco degli ultimi due anni” quando hanno quasi lasciato l’Aston Villa con tre punti in vantaggio una notte febbrile.

Quando gli uomini della stella non si fanno vedere, la cavalleria è arrivata durante il mandato di questo allenatore e c’è qualcosa in ciò che va oltre la semplice abilità. C’è un modo in cui li tiene al limite – sia per mancanza di tempo di gioco o per mancanza di riconoscimento nelle sale – che ha servito bene la squadra.

Il campo di allenamento del City è un luogo competitivo e questo alimenta le loro prestazioni il giorno della partita

Il campo di allenamento del City è un luogo competitivo e questo alimenta le loro prestazioni il giorno della partita

I concorsi non accadono tutti i giorni, ma abbastanza spesso da dare il diritto di vantarsi al gruppo

I concorsi non accadono tutti i giorni, ma abbastanza spesso da dare il diritto di vantarsi al gruppo

Nei minuti prima della battaglia, Walker abbaierà le istruzioni nello spogliatoio. Phil Foden giocherà una breve partita di due tocchi per avere un’idea della palla. Ruben Dias potrebbe assemblare il gruppo e Fernandinho sceglie i suoi momenti.

Guardiola dice che ormai conosce i suoi giocatori e loro lo conoscono. In quanto tale, la formazione è cambiata nel corso degli anni.

“Di questi tempi li lascia semplicemente suonare di più”, ha detto una fonte. L’esercizio preferito suona caotico.

Tre squadre da sei stipate su un piccolo campo, volando l’una contro l’altra, la palla che sfrecciava come se fosse in una lavatrice. Un quarto, solitamente composto da ragazzi dell’accademia, deve fare uno sprint per sostituire la squadra che l’ha composta e va avanti all’infinito, in tondo, a ritmo incessante.

Ma il City non ha vinto il titolo a causa delle partite in campo di allenamento. O le freccette elettroniche, il calcio balilla in palestra, il campo da padel o il cartello fuori dallo spogliatoio di casa che dice: “Fa tremare l’intero pianeta”.

In un'altra esercitazione caotica, tre squadre da sei vengono stipate su un piccolo campo e gli viene detto di giocare

In un’altra esercitazione caotica, tre squadre da sei vengono stipate su un piccolo campo e gli viene detto di giocare

Non l’hanno vinta perché Guardiola è andato in Scozia durante una pausa internazionale per ricaricare le batterie con la sua famiglia, o perché il suo staff dietro le quinte è stato premiato per la squadra che ha spazzato via il Manchester United con una breve sosta all’Emirates Palace di Abu Dhabi, i cinque -star hotel che ora è un club partner.

Tutto ciò aiuta a incorniciare l’arazzo della stagione del City, ma l’hanno vinto perché questo è un gruppo stellare che migliora come unità e abbraccia lo scoraggiante periodo invernale come nessun altro.

La città, ovviamente, ha speso profumatamente, ma i soldi da soli non garantiscono l’argenteria: basta guardare la bacheca dei trofei dell’Old Trafford.

Un pool più piccolo di giocatori significa che l’allenatore può sbloccarsi negli ottavi di finale delle competizioni di coppa, ma quei numeri sono una sua scelta. Ove possibile, non lesina mai sulla selezione del campionato. Se lo avesse fatto, il Liverpool avrebbe eguagliato il record di 20 titoli dello United.

Questo mese a Guardiola è stato chiesto come volesse che la sua eredità fosse considerata. “Che ci siamo divertiti”, ha detto. «Questa è la migliore eredità. Le nostre persone che sono nate fan del City possono dire che in quel periodo siamo stati divertenti.’

Ma la critica a Guardiola è che il suo calcio è robotico per il neutro, che ignora la maestosità di Kevin De Bruyne o la follia di Ederson.

La critica a Guardiola è che il suo stile è robotico per i neutrali ma i loro giochi sono thriller

La critica a Guardiola è che il suo stile è robotico per i neutrali ma i loro giochi sono thriller

Ignora due dei classici di tutti i tempi con il Liverpool e la vittoria in rimonta all’Arsenal a Capodanno, con il vincitore dei tempi di recupero di Rodri. Battere il Leicester City 6-3 a Santo Stefano è stato emozionante.

Quello che il cecchino ha fatto è consolidare il rapporto di Guardiola con i fan. Il modo in cui ha applaudito la fine della trasferta ad Anfield è il più animato che è stato da quando ha suonato la batteria per lui in una partita di coppa a Leicester durante la sua seconda stagione.

Le scene sul Merseyside sono arrivate settimane dopo aver criticato l’atmosfera di casa dopo la vittoria sull’RB Lipsia. Dal Lipsia, il suo elogio dei fan è stato espansivo.

Il City aveva temuto di perdere nove punti dietro la capolista in quel momento. con viaggi a Chelsea e Liverpool che hanno portato il PSG in trasferta in Europa.

Avevano faticato per un pareggio a reti inviolate con il Southampton e non potevano permettersi di sbagliare ulteriormente.

Anche il rapporto di Guardiola con i tifosi del Man City è migliorato dopo i commenti precedenti

Anche il rapporto di Guardiola con i tifosi del Man City è migliorato dopo i commenti precedenti

La partita di settembre allo Stamford Bridge è stata una delle esibizioni più complete di Guardiola. Bernardo Silva è caduto nel tenere il centrocampo insieme a Rodri e ha condotto lo spettacolo, il Chelsea non è riuscito a registrare un tiro in porta in casa per la prima volta in 18 anni.

La prestazione di Silva quel giorno è stata altrettanto buona dei quattro gol di De Bruyne ai Wolves l’11 maggio, tra i timori di perdere punti dopo la schiacciante sconfitta in Champions League contro il Real Madrid.

Silva, probabilmente il loro giocatore della stagione, voleva andarsene la scorsa estate, con la nostalgia di casa durante la pandemia che ha trascorso in un appartamento del centro città. Ma Guardiola lo convinse a restare.

La scorsa estate ha portato cambiamenti dietro le quinte. C’era stata costernazione tra la squadra per le alterazioni nella cura dei giocatori durante il 2020-21, ma da allora si sono stabilizzate, con Emily Maclennan alla guida della prima squadra dopo che il popolare Marc Boixasa se n’è andato.

La prestazione di Bernardo Silva al Chelsea è stata buona quanto quella di Kevin De Bruyne ai Wolves

La prestazione di Bernardo Silva al Chelsea è stata buona quanto quella di Kevin De Bruyne ai Wolves

Il giovane analista olandese Piet Cremers è stato promosso, mentre il boss degli Under 18 Carlos Vicens, 39 anni, ha ricevuto un ruolo nello staff tecnico di Guardiola.

Vicens, laureato in economia, ha rivoluzionato i calci piazzati del City – ora hanno il miglior record della divisione – ed è stato incastrato per gestire Heracles Almelo in Olanda la prossima stagione. Sarà una perdita.

I principi di Guardiola, tuttavia, rimangono gli stessi. Fa un passo indietro più spesso, non accumulando così tanto nei suoi giocatori, ma è ancora “come un leone” nello spogliatoio.

Anche il futuro sembra promettente, con Erling Haaland che arriverà dal Dortmund in estate

Anche il futuro sembra promettente, con Erling Haaland che arriverà dal Dortmund in estate

“Il modo in cui si avvicina ai giochi potrebbe cambiare di tanto in tanto”, ha detto Gundogan a Sportsmail questo mese. «Ma non lo vedo cambiare con noi. È ancora molto intenso.’

C’era confusione quando ha detto esasperato ai giocatori: “Non ce la faccio più” dopo che avevano battuto il Bruges 4-1 a novembre. I mormorii sul suo futuro sono emersi tra i giocatori, come accade nella maggior parte delle stagioni.

Eppure, eccolo di nuovo – apparentemente soddisfatto – con un altro titolo, uno in più di Jose Mourinho e Arsene Wenger, al pari di Kenny Dalglish e uno dietro a Sir Matt Busby. È una lista.

.

Leave a Comment