Kevin Paredes riceve i primi voti in una quinta settimana

Di Pietro Vice @ViceytheSS

Le tre sezioni classificate nell’ultima puntata della nostra rubrica “Gli americani in Bundesliga” presentano una serie di voti di debutto per uno dei nuovi ragazzi statunitensi sulla scena calcistica tedesca. Kevin Paredes bussa alla porta del Wolfsburg titolare XI.

Tratteremo anche il lavoro di Joe Scally e dell’allenatore del VfB Stuttgart Pellegrino Matarazzo nella nostra analisi della quinta settimana. Jordan Siebatcheu è stato evidente in sua assenza in questo round. Ne parliamo nel paragrafo di apertura.

La grande notizia sulla vittoria degli “americani in Bundesliga” riguarda l’assenza lo scorso fine settimana del fenomeno dell’FC Union Berlin Jordan Siebacheu lo scorso fine settimana. Il 26enne non è stato in grado di prendere parte all’1-1 della sua squadra contro il Bayern sabato a causa di quello che inizialmente era stato segnalato come un leggero livido. L’attaccante è tornato ad allenare la squadra lunedì, ma ha dovuto saltare la sessione di martedì per quello che l’allenatore Urs Fischer ha descritto come un “problema muscolare”.
A causa dell’assenza di Siebatcheu, questa settimana abbiamo solo tre sezioni classificate. Questo di per sé non significa che non ci siano notizie affascinanti da riportare. Abbiamo un debuttante questa settimana. Nella sua seconda apparizione di rilievo della stagione, Kevin Paredes del VfL Wolfsburg sembra bussare alla porta del WOB XI. In altre notizie “americane”, Gio Reyna ha fatto una brevissima apparizione alternativa con il Dortmund nella vittoria per 1-0 sull’Hoffenheim. Justin Che non è ancora entrato nella rosa della panchina dell’Hoffenheim.

Kevin Paredes, VfL Wolfsburg

Minuti giocati = 29/90, Posizioni giocate = RW, LB

Grado = B-

In realtà bisogna aspettare e vedere se il fatto che Paredes presto influirà nei piani di Niko Kovac conta davvero come una buona notizia. Quelli di noi che seguono le tattiche del nuovo allenatore VfL in questa stagione continuano a strapparsi i capelli. Ci sono stati troppi aggiustamenti nel gioco. Questa squadra è lontana anni luce dal sapere che tipo di squadra dovrebbe essere.

Caso in questione, la sconfitta in campionato di sabato scorso contro il Colonia. Kovac impiegato quattro importanti alterazioni tattiche nel corso della partita. Come se non bastassero due elaborazioni nella colonna delle tattiche di questa settimana, ne abbiamo altre due da trattare qui. Riprendendo da dove avevamo interrotto, Paredes è entrato nella mischia al terzo rimpasto subito dopo l’ora.

Formazione—VfL Wolfsburg—61° minuto (4-2-1-3)

Se si vuole rivedere il nastro, il ritmo elettrizzante di Paredes è in mostra nel 62°, 66° e 68°. I suoi piedi erano significativamente più veloci della sua testa durante una perdita di palla al 62esimo e uno scarso contrasto difensivo fuori area al 66esimo. Se uno lo guarda premere il segno nel 67°, 73° e 74°, è chiaro che è eccessivamente vivace e (di conseguenza) un po’ malconcio dalla palla.

Ci sono anche due sconfitte aeree e diverse sfide di mistime tra la 71a e la 74a. Il miglior lavoro di questo americano sulla fascia destra si trova nel 63esimo e 64esimo. La squadra stessa ottiene un paio di bei cicli verso destra durante questo intervallo e il virginiano trova un po’ di flusso come parte della triangolazione. Paredes era appena entrato in campo 15 minuti prima che arrivasse il momento di un altro turno.

Formazione — VfL Wolfsburg — 76° minuto (4-2-4)

Uomo, oh uomo. Kovac non mostra davvero pietà per noi investigatori con gli occhi puntati sulla telecamera tattica. Paredes è apparso sulla sinistra poco dopo che Felix Nmecha, Mattias Svanberg e Jakub Kaminski hanno sostituito Paulo Otavio, Maximilian Arnold e Bartol Franjic. Ci è voluto del tempo per capire che al 19enne era stato assegnato il ruolo di terzino sinistro. La sua prima azione lì (75a) ha caratterizzato buoni tocchi, ma alla fine un passaggio scadente.

Qualche segno solido sul sostituto del Colonia Linton Maina può essere trovato nel 77esimo e 83esimo. Paredes è stato coinvolto nella sequenza che ha portato al secondo gol di Lukas Nmecha al 79esimo. Tocchi e passaggi slick sono in mostra nel 78esimo. Una splendida corsa sulla sovrapposizione oltre Omar Marmoush all’85esimo si è purtroppo conclusa con un pessimo cross in area. Era anche fuorigioco su un’altra corsa un minuto dopo.

Continuamente coinvolto lungo il tratto, il nostro soggetto qui ha accumulato 23 tocchi registrati nel corso della giornata. Molti di questi erano su unità WOB insignificanti durante gli ultimi tre minuti di tempo normale. Una palla persa poco dopo un corner di Colonia sul 90+1 ha indotto un sussulto, ma Paredes ha concluso con uno splendido dribbling sul 90+2. Vale sicuramente la pena dare un’occhiata a quel gioco in quanto si può vederlo scrollarsi di dosso due difensori.

Joe Scally, Borussia Mönchengladbach

Minuti giocati = 81/90, Posizioni giocate = RW, LW

Grado = C+

Un numero minimo di tocchi stagionali per il nativo di Long Island domenica contro il Mainz. L’editorialista ha contato solo 39 casi in cui Scally ha messo il suo stivale intorno alla palla. Il CFG New Yorker ha avuto una giornata difficile (nove randagi) e ha vinto poco meno della metà dei suoi duelli diretti. Insieme al resto della squadra, ha vissuto un’apertura difficile per dieci minuti.

Nessuno nel Fohlenelf è davvero uscito dallo spogliatoio pronto a giocare. Tanta visione della palla da parte di tutti in bianco. Esempi eclatanti che coinvolgono Scally possono essere trovati nel 3°, 4°, 6° e 9°. L’americano ha girato la palla in un maldestro tentativo di giocare dalle retrovie all’8°. Più palle perse sono arrivate nell’11°, 15°, 28° e 60°.

Ci sono state alcune sfide perse (12a, 21a, 30a, 45a, 67a) insieme a un’ampia quota di errori di marcatura (14a, 24a, 29a, 43a, 61a, 76a). Compensando questi, tuttavia, abbiamo delle grandi vittorie sia a terra che in aria il 16°, 37°, 38°, 49°, 63° e 78°. I puledri hanno molto da ringraziare Scally per la difesa. Era calmo sulla palla come l’ultimo uomo nel 17esimo, 33esimo, 36esimo, 39esimo, 57esimo e 72esimo.

Quando è stata coinvolta in avanti, la scala ha effettivamente avuto una giornata superiore alla media. C’è un ottimo cross per la prima volta al 18°, un morbido takedown al 35°, alcuni passaggi molto belli su 45+1 e 45+2 e servizi di scia offensivi taglienti nel 65°, 72°, 73° e 79°. Il CFG New Yorker e il resto dei compagni di squadra hanno dovuto lavorare a corto di personale dopo l’espulsione di Ko Itakura al 53esimo.

Formazione — Borussia Mönchengladbach — 56° minuto (4-2-3)

Una soluzione ad hoc piuttosto interessante al problema dell’allenatore BMG Daniel Farke. Il gaffer aveva appena inviato Lars Stindl per Alassane Plea pochi istanti prima che il suo attore difensivo chiave guadagnasse il dritto rosso e Mainz conficcasse un pugnale nel cuore della sua squadra con un gol immediato. Forse questo fine settimana vedremo un quarto di diamante come risposta agli infortuni di Gladbach. Potremmo anche assistere a un romanzo doppio-sei set.

In ogni caso, Scally ha fatto abbastanza bene da meritare l’inclusione continua nell’XI di partenza. L’autore voleva davvero portarlo al “Livello B”, ma alcuni dei suoi rush offensivi (57esimo, 59esimo, 64esimo, 71esimo e 72esimo) avrebbero potuto presentare più qualità alla fine di essi. Non è la performance più convincente del 19enne. Ancora degno dei migliori voti disponibili a livello medio.

Pellegrino Matarazzo, VfB Stoccarda (allenatore)

Partite = 1, Risultato = D

Grado = D

Dopo la sua espulsione nel quarto round, sabato il nativo del New Jersey ha dovuto osservare la sua squadra dalle gradinate della Mercedes Benz Arena. Ovviamente valuteremo ancora l’allenatore americano qui in quanto era la sua chiamata su quale tipo di tattica schierare nella prima partita dell’errore post-Sasa-Kalajdzic. In questi giorni, gli allenatori sospesi sono anche in costante contatto con i loro surrogati tramite apparecchiature di comunicazione, il che significa che Matarazzo possiede anche gli aggiustamenti in-game.

Pur mantenendo ferma la sua idea di base di un 3-3-2-2, Matarazzo è andato con il concetto di un attaccante di servizio che tiene saldamente una posizione alle spalle di Silas. Lilian Egloff – l’unico passaggio all’XI rispetto alla scorsa settimana – ha ricevuto questo incarico al posto dello squalificato Luca Pfeiffer. Chris Führich e Naouirou Ahamada hanno lavorato brevemente su uno split barcollante dietro i due attaccanti dell’asse anteriore prima di sistemarsi in una serratura orizzontale dopo il quarto d’ora iniziale.

Formazione—VfB Stoccarda—Partita cinque (3-3-2-2)

La pressione su entrambi i fianchi è rimasta decente per gli svevi all’inizio. Silas (che mostra alcuni segni di tornare alla sua vecchia forma maestosa di un paio d’anni fa) ha avuto alcune prime possibilità. Führich, che al momento potrebbe essere l’attore più in forma del VfB, ha segnato il primo gol. Sfortunatamente per i padroni di casa del BaWü, un tracollo difensivo ha permesso quasi immediatamente allo Schalke di segnare il pareggio. Il capitano Wataru Endo sembrava confuso per tutto il gioco e aveva problemi a farcela.

Entrando nelle fasi finali della partita, l’idea era chiaramente quella di andare avanti con un 4-3-3. Matarazzo in precedenza ha dato un colpo un paio di round indietro. Tiago Tomas ed Enzo Millot sono entrati al posto di Egloff e Borna Sosa al 63esimo. Gli osservatori hanno avuto la possibilità di assistere a pochi minuti del piano previsto per sbloccare lo stallo dell’1-1 e consegnare allo Stoccarda la prima vittoria della stagione. Josha Vagnoman alla fine sarebbe stato espulso nel 67esimo, rendendo questo discutibile.

Formazione — VfB Stoccarda — 64° minuto (4-3-3)

Difficile vederlo funzionare anche in senso ipotetico. Gli uomini di Matarazzo hanno fornito praticamente nulla in attacco dopo l’apertura di Führich e nessuno degli attori chiave qui (Vagnoman, Endo e Ahamada) ha giocato particolarmente bene. Inoltre, l’editorialista non ha simpatia per il tentativo del direttore sportivo Sven Mislintat di imputare il risultato qui all’arbitraggio.

Gli Svevi erano stati sciatti e agitati per tutto il gioco. L’ufficiale di gara Florian Badstübner è stato pienamente giustificato nel distribuire alcune ammonizioni accumulate anche se le giocate relative alle azioni disciplinari sembravano un po’ dure. Una squadra mal preparata con un’altra prestazione scadente. Dobbiamo mantenere Matarazzo in “D-Level” per la seconda settimana consecutiva.

Grazie mille per aver letto! Di tanto in tanto puoi catturare Peter scherza mentre guarda il calcio non in Bundesliga su Twitter, @ViceytheSS.

I DM di Twitter sono aperti a conversazioni sul calcio, correzioni e (se proprio insisti) abusi generali.

Tutte le colonne debuttano su Bulinews prima di apparire sul sito web di Peter nel corso della settimana.

Storie correlate

Il Dortmund ha sconfitto il Copenaghen nella convincente vittoria della Champions League
Jonas Wind del Wolfsburg fornisce aggiornamenti sugli infortuni, condivide pensieri sullo scontro del Dortmund con il suo ex club Copenaghen
Confermato: Bochum tiene duro con l’allenatore Thomas Reis

Leave a Comment