La battaglia per la retrocessione in Ligue 1 in questa stagione sarà la più dura degli ultimi anni | Lega 1

Tit club vincono la Ligue 1 dal 1996. Sette di loro sono retrocesse nello stesso periodo. Nonostante il predominio di Lione e PSG, il calcio francese è rimasto nel complesso diabolicamente competitivo, colpendo spesso squadre più grandi: i campioni del Saint-Étienne e il Bordeaux, vincitori del 2009, sono stati entrambi retrocessi la scorsa stagione. Con quattro squadre che scendono da una divisione alla pari, la battaglia di questa stagione potrebbe essere la più dura nella storia del campionato.

Ben 12 squadre combatteranno per la sopravvivenza in questa stagione. Le sconfitte di Bordeaux e Saint-Étienne – che hanno giocato entrambe in Europa League nelle ultime tre stagioni – hanno intensificato la bagarre liberando il campionato da due squadre che di solito erano in grado di districarsi dalla metà inferiore.

Quella battaglia è ulteriormente rafforzata quando il campionato si riduce a 18 squadre, il che significa che quattro scenderanno automaticamente in questa stagione, dalla situazione precedente in cui le ultime due squadre sono cadute e un terzo è andato ai playoff per la retrocessione. Se quattro squadre fossero state retrocesse nelle ultime stagioni, due vincitrici del titolo sarebbero finite in Ligue 2. Il Monaco è arrivato quarto ultimo nel 2019, appena due anni dopo aver vinto la Ligue 1. E il Lille è arrivato quarto ultimo nel 2018, appena tre anni prima di vincere il titolo.

Dopo la promozione di Auxerre, Ajaccio e Tolosa – tre squadre con forti storie nella massima serie – la metà inferiore della Ligue 1 è piena di squadre alla pari che sperano semplicemente di sopravvivere. Quella competitività è stata sottolineata questo fine settimana quando le ultime due squadre della divisione hanno vinto. Otto partite dopo, solo quattro punti separano gli ultimi nove.

L’Ajaccio ha ottenuto la sua prima vittoria in casa del Brest. Inseguitori della promozione a sorpresa la scorsa stagione sotto la guida dell’allenatore di lunga data Olivier Pantaloni, il club corso è salito in Ligue 1 con fondi di trasferimento minimi; una squadra media della Ligue 2 sulla carta è stata rafforzata solo da una manciata di veterani della Ligue 1 in rapido invecchiamento. Angers Thomas Mangani e l’attaccante del Saint-Étienne Romain Hamouma, entrambi 35 anni, sono state le aggiunte principali.

Nonostante le glorie passate, tenere a galla l’Ajaccio sarà probabilmente al di là delle loro possibilità. Stanno anche entrando a far parte di un gruppo già anziano, che potrebbe presto produrre un XI con un’età media di 33 anni. La loro stoica difesa, che ha subito solo 19 gol la scorsa stagione, è l’unica via per la sopravvivenza. Pantaloni spera che la vittoria sul Brest sia la prima di tante vittorie per 1-0.

I compagni di lotta Angers hanno ottenuto una vittoria scioccante su Nizza durante il fine settimana. Dopo aver visto allontanarsi l’allenatore Stéphane Moulin e una serie di fidati luogotenenti nell’ultimo anno, l’Angers ha rischiato rivedendo la propria rosa con un budget limitato. Solo tre titolari, inclusa l’ex ala del Southampton Sofiane Boufal, rimangono dalla scorsa stagione.

L’algerino Nabil Bentaleb di Angers ha segnato contro il Nizza. Fotografia: Clement Mahoudeau/AFP/Getty Images

Si affidano a giocatori riproposti e a regola d’arte che sono tornati da incantesimi in prestito altrove, giovani e tiri di freccette di mercato. Anche se, dopo aver cambiato formazione già tre volte in questa stagione, il nuovo 4-4-2 dell’allenatore Gerald Baticle sembra funzionare, ma molto si basa sul talismano Boufal.

Oltre a questi due, ne consegue una mischia tentacolare. Nonostante il sesto posto in classifica la scorsa stagione, lo Strasburgo è l’unico club della Ligue 1 a non aver ancora vinto questa volta. In precedenza una squadra spietatamente efficiente, fisica e offensiva, la squadra di Julien Stéphan ha lottato per mantenere la propria intensità. Anche la seconda stagione completa di Stéphan al Rennes ha perso slancio dopo aver raggiunto la Champions League. Una simile capitolazione potrebbe essere disastrosa per il club alsaziano.

Brest e Reims, arrivati ​​a metà classifica la scorsa stagione, si uniscono a Strasburgo e Ajaccio nelle ultime quattro. Il passaggio di Reims dai professionisti affermati alla loro accademia si è rivelato un colpo da maestro. Tuttavia, dopo aver perso i gol di Hugo Ekitike contro il PSG e aver lottato con la disciplina – hanno già raccolto cinque cartellini rossi – una ripetizione sembra complicata.

Il Brest, in precedenza difficile da battere, ha subito 18 gol in otto partite e, nonostante abbia mantenuto l’attaccante fuoriclasse Franck Honorat, la squadra solitamente affidabile di Michel Der Zakarian potrebbe essere vittima di una crescente qualità intorno a loro.

I campioni della Ligue 2 del Tolosa sperano di evitare il calo nonostante si siano evoluti poco. L’ex allenatore del Nottingham Forest Philippe Montanier ha ideato una squadra dinamica e positiva con una varietà di minacce da rete. Tuttavia, l’infortunio a lungo termine del capocannoniere Rhys Healey sarà difficile da superare.

Philippe Montanier, allenatore francese del Tolosa.
Philippe Montanier, allenatore francese del Tolosa. Fotografia: Thierry Zoccolan/AFP/Getty Images

La squadra promossa, l’Auxerre, vincitrice del titolo nel 1996, ha alcune stelle di secondo livello in ritardo per la possibilità di giocare in Ligue 1. Tuttavia, potrebbe essere troppo per i creatori intelligenti Mathias Autret, Youssouf M’Changama e il prolifico marcatore della Ligue 2 Gaëtan Charbonnier da fare per la difesa porosa della squadra.

Candidato alla retrocessione solo un mese fa, il Lorient potrebbe essere l’unico membro di questo gruppo che può respirare facilmente, avendo già raggiunto 19 punti sotto la guida dell’allenatore Régis Le Bris. Tuttavia, staranno attenti a non scivolare giù dal campionato come ha fatto Clermont dopo un inizio veloce la scorsa stagione. Il reparto scouting di Clermont sembra aver portato alla luce alcune gemme, con il versatile attaccante Mohamed Cham, firmato dalla seconda divisione austriaca, uno dei tanti successi a sorpresa. Anche se, questa volta, mantenere la forma sarà ancora più difficile dopo la vendita del marcatore Mohamed Bayo al Lille.

La metà inferiore della Ligue 1 è così feroce che anche il Nantes, vincitore della coppa, guarderà in basso piuttosto che in alto. Un programma frenetico di Europa League – la rovina di molte squadre inesperte – oltre alla perdita del nuovo attaccante della Francia Randal Kolo-Muani potrebbero ostacolarli.

Nonostante alcune promettenti attività di trasferimento, il Montpellier temerà la stessa sorte dopo appena tre vittorie nelle 19 partite dopo Natale della scorsa stagione. Indipendentemente dalle risorse del City Group, anche i fan del Troyes saranno nervosi.

Con il campionato più competitivo che mai, queste dozzine di club potrebbero ricordare la retrocessione del Monaco nel 2011. Il club era una delle nove squadre a tre punti dalla zona retrocessione nell’ultima giornata. La sconfitta per 2-0 contro il Lione ha mandato a terra il Monaco nonostante avesse accumulato 44 punti. Con la maggior parte della Ligue 1 che cerca di evitare la più ampia delle botole, questa stagione potrebbe ancora superare quella scalata.

Reims 0-3 Monacon
Brest 0-1 Ajaccion
Clermont 1-3 Troyesn
Marseille 1-1 Rennesn
Nice 0-1 Angersn
Nantes 0-0 Lensn
Lyon 0-1 PSGn
Montpellier 2-1 Strasbourgn
Lille 2-1 Toulousen
Auxerre 1-3 Lorient 

“,”credit”:””,”pillar”:2}”>

Guida veloce

Risultati Liga 1

Mostrare

Reims-Monaco 0-3

Brest 0-1 Ajaccio

Clermont 1-3 Troyes

Marsiglia – Rennes 1-1

Bello 0-1 Angers

Nantes 0-0 Obiettivo

Lione-PSG 0-1

Montpellier 2-1 Strasburgo

Lille-Tolosa 2-1

Auxerre 1-3 Lorient

Grazie per il tuo feedback.

Punti di discussione

Nonostante sia rimasta indietro rispetto al Maccabi Haifa nella partita della fase a gironi di Champions League la scorsa settimana, il PSG è stata l’unica delle sei squadre francesi a prendere tre punti nell’ultima serie di partite europee. Il Marsiglia ha ottenuto 16 sconfitte in 17 partite di Champions League; e in Europa League, il Nantes è stato sconfitto 3-0 dal Qarabag, il Monaco ha subito una sconfitta casalinga scioccante contro il Ferencváros, il Rennes non è riuscito a battere il Fenerbahçe e il Nizza ha potuto pareggiare solo con il Partizan. In una stagione cruciale per il peggior ranking per coefficiente della Ligue 1, con i primi cinque campionati che hanno ricevuto quattro posti automatici in Champions League nella competizione riformata, risultati più scarsi potrebbero vedere il campionato francese superato dalla Primeira Liga portoghese o dall’Eredivisie olandese al momento possibile.

Il Marsiglia ha avuto un'altra settimana frustrante in Europa.
Il Marsiglia ha avuto un’altra settimana frustrante in Europa. Fotografia: Guillaume Horcajuelo/EPA

Con l’imminente pausa per la nazionale, l’ultima possibilità di Didier Deschamps di testare la sua rosa prima della Coppa del Mondo, la Francia rischia di iniziare il torneo pericolosamente impreparata. Paul Pogba, Hugo Lloris, Karim Benzema, Presnel Kimpembe, N’Golo Kanté e Théo Hernandez – tutti titolari in programma in Qatar – sono tutti assenti. Di conseguenza, Randal Kolo-Muani, Youssouf Fofana, Benoît Badiashile e Alban Lafont sono stati convocati in una squadra relativamente inesperta. Dopo risultati contrastanti a giugno, Deschamps è già antincendio.

Classifica Ligue 1

Questo è un articolo di Get French Football News
Seguire Adam Bianco e GFFNN su Twitter

Leave a Comment