La sconfitta del Bayern inasprisce l’umore e approfondisce i dubbi su Nagelsmann | Bundesliga

Manuel Neuer è stato l’eroe in così tante occasioni, ma qui ha quasi trovato un nuovo modo per esserlo. Il suo colpo di testa al 95′ di Joshua Kimmich è andato in angolo ma il suo avversario, l’eccezionale Rafał Gikiewicz, si è girato sulla linea e si è tuffato per respingerlo con la mano sinistra. Pochi secondi dopo, Neuer ha barcollato sulla palla dopo che Alphonso Davies l’ha rialzato, e Gikiewicz ha respinto di nuovo il palmo, con il plauso febbrile dei suoi compagni di squadra. Gli applausi sono andati al giocatore di bocce polacco, questa volta piuttosto che a quello tedesco.

Ma da quando il Bayern si è ridotto a questo? La stessa presenza di Neuer nell’area di rigore dell’Augsburg, mentre il Bayern Monaco cercava disperatamente di sfuggire alla prima sconfitta della stagione della Bundesliga, è stata un’ammissione di disperazione. Non erano in grado di farlo, ma il fatto che la loro ultima linea di difesa altamente decorata fosse quasi in grado di fare la differenza dall’altra parte era stridente. Uno dei titoli di Bild di domenica non ha perso l’occasione per evidenziare che Neuer ha segnato più gol di Sadio Mané in una sconfitta sgonfiante contro i vicini locali, un’ora a nord-ovest di Monaco, che potrebbero essersi affermati nella massima serie ma non hanno la statura per poter essere descritti nemmeno immaginariamente come rivali.

La seconda metà della vittoria di martedì in Champions League contro il Barcellona ha calmato l’inquietudine ribollente intorno al Bayern dopo tre pareggi consecutivi in ​​Bundesliga. Questa estensione della corsa domestica senza vittorie a quattro ha alzato il volume di quelle voci dissenzienti fino a 11, più forte che mai. Il rifiuto di una serie di occasioni da parte di Robert Lewandowski nel primo tempo del suo primo ritorno all’Allianz Arena aveva fatto un favore a Julian Nagelsmann – con il quale non sempre si vedeva negli occhi -, consentendo all’allenatore la parità in cui stringere nell’intervallo, riordinare e andare avanti e vincere la partita. Che Lewandowski si fosse ripreso dalle frustrazioni infrasettimanali per incassare un altro paio di gol della Liga in una passeggiata di una vittoria del Barcellona su Elche non è sfuggito agli sguardi bavaresi.

Dopo un tale risultato, il buco lasciato dalla partenza di Lewandowski, reale o presunto, sbadiglia più grande della vita, alimentando il desiderio di un tempo più semplice in cui tutto era più chiaro. Lewandowski gioca, Lewandowski segna. L’elegante conclusione di Mergim Berisha per il vincitore dell’Augsburg all’altra estremità poco prima dell’ora, regalando agli uomini di Enrico Maaßen una vittoria non immeritata, è stato solo uno di una serie di indicazioni verso l’idea che Big Number Nines Gole OK.

Mergim Berisha di Augusta celebra il gol che ha prolungato l’incantesimo del Bayern in stasi. Fotografia: Hannibal Hanschke/EPA

Questo, insieme al dramma del Bayern che sembra umano, sorvola su alcuni fatti reali; che Oliver Kahn e Hasan Salihamidzic, che hanno entrambi espresso il loro disappunto per la prestazione e il risultato dopo la partita, sono contenti della composizione della rosa, che il calcio di Nagelsmann è più destinato a prosperare senza un numero nove più tradizionale e che il Bayern ha 19 tiri in porta senza farli contare, proprio come Yann Sommer del Borussia Mönchengladbach aveva realizzato un record di 19 parate in Bundesliga contro il Bayern all’inizio di questa frustrante serie senza vittorie.

Eppure, proprio come Nagelsmann conserva la fiducia del club – e hanno davvero bisogno di questo per funzionare dopo aver speso un record mondiale di 25 milioni di euro per fargli uscire dal suo contratto con l’RB Lipsia l’anno scorso – è abbastanza intelligente da sapere che tutto il buon processo nel mondo significa poco se i risultati non cadranno. Non è ancora abbastanza grave per Thomas Tuchel essere davvero sullo sfondo, ma avere un recente vincitore della Champions League tedesca sullo sfondo non è l’ideale per Nagelsmann. “Non importa cosa rispondo ora”, ha detto in risposta alla domanda se la sua squadra avesse ancora bisogno di Lewandowski. “Se dico di no, allora dice che non vede il problema. Se dico di sì, allora tutti scriveranno che gli manca Lewandowski”.

Statisticamente, puoi vedere il punto degli oppositori. L’Augsburg, che nell’ultimo decennio è stato una mosca occasionale nell’unguento del Bayern – basta chiedere a Pep Guardiola – ha posto fine al record di vittorie consecutive del Bayern in Bundesliga (86), e se non sono ancora stazioni di panico, c’è motivo per riflettere sulla rottura internazionale.

L’allenatore conserva la fiducia dei suoi superiori. Salihamidzic ha insistito sul fatto che il futuro di Nagelsmann “non fosse un argomento” mentre Kahn ha difeso il reclutamento del club. “Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno”, ha detto, ed è entusiasta dei “nostri attaccanti con enorme velocità”.

What a day! 😀@FCA_World deliver Bayern Munich their first defeat of the season in this Bavarian #Bundesliga battle. 👏#FCAFCB | #MD7 pic.twitter.com/swsf3PimEI

— Bundesliga English (@Bundesliga_EN) September 17, 2022

n”,”url”:”https://twitter.com/Bundesliga_EN/status/1571173922275573760?s=20&t=tHKI3k8eE-_g_pTNxKo0oA”,”id”:”1571173922275573760″,”hasMedia”:false,”role”:”inline”,”isThirdPartyTracking”:false,”source”:”Twitter”,”elementId”:”fd881f4f-3cd0-44c1-9254-8b26d507c7f5″}}”/>

Trovare chiarezza e ragione mentre il Bayern è in questa corsa, però, non è facile. L’atmosfera intorno alla tradizionale visita di domenica all’Oktoberfest era tesa e ci vorranno settimane di spettacoli convincenti per spazzare via quella sensazione. “Sto pensando a tutto”, ha detto Nagelsmann. Sulla situazione. Su di me. Di tutto.”

Tutto bene, ma le sfumature andranno sempre perse quando il Bayern non raggiungerà i suoi standard impeccabili. E lui lo sa.

Union Berlin 2-0 Wolfsburg, Bochum 1-1 Köln, Hoffenheim 0-0 Freiburg, Bayer Leverkusen 1-1 Werder Bremen, Borussia Dortmund 1-0 Schalke, Augsburg 1-0 Bayern Munich, Stuttgart 1-3 Eintracht Frankfurt, Borussia Mönchengladbach 3-0 RB Leipzig, Mainz 1-1 Hertha Berlin

“,”credit”:””,”pillar”:2}”>

Guida veloce

Risultati Bundesliga

Mostrare

Union Berlin 2-0 Wolfsburg, Bochum 1-1 Colonia, Hoffenheim 0-0 Friburgo, Bayer Leverkusen 1-1 Werder Brema, Borussia Dortmund 1-0 Schalke, Augusta 1-0 Bayern Monaco, Stoccarda 1-3 Eintracht Francoforte, Borussia Mönchengladbach 3-0 Lipsia, Mainz 1-1 Hertha Berlino

Grazie per il tuo feedback.

Punti di discussione

Un altro grande nome attualmente in una buca a causa della loro stessa creazione è il Bayer Leverkusen, tenuto sull’1-1 dal Werder Brema (ancora imbattuto in trasferta) grazie al pareggio di Milos Veljkovic negli ultimi 10 minuti della partita, seguito a un brutto errore di Lukas Hradecky, che non riesce a respingere un colpo di testa di Niclas Füllkrug. Con una sola vittoria su sette partite finora, Gerardo Seoane è sotto pressione nonostante l’impressionante vittoria infrasettimanale contro l’Atlético Madrid in Champions League.

L’Union Berlin si trova nella situazione opposta; Hanno recuperato dalla seconda sconfitta consecutiva in Europa League battendo 2-0 il Wolfsburg in difficoltà – l’immancabile Jordan Siebatcheu e Sheraldo Becker che hanno segnato il gol – e mantenendo la leadership della Bundesliga. Anche la squadra di Urs Fischer ha gioito per il ritorno di Timo Baumgartl dopo la guarigione da un cancro ai testicoli. “L’ho immaginato durante la chemioterapia”, ha detto, “i momenti più difficili della mia vita, tornare per questo momento”.

C’era più storia per Youssoufa Moukoko, che ora è il più giovane Revierderby marcatore dopo essere entrato come sostituto del Borussia Dortmund per battere di testa il vincitore contro lo Schalke. La sua performance, piena di urgenza, è venuta da “una rabbia nello stomaco, mentre volevo iniziare”, ha ammesso il diciassettenne dopo la partita. C’è una convinzione crescente che dovrebbe iniziare al posto di Anthony Modeste dopo un’altra esibizione pedonale.

La vittoria era stata inasprita dalla triste vista dello skipper Marco Reus disteso nel primo tempo a causa di un grave infortunio alla caviglia, con immediate preoccupazioni per la sua disponibilità per la Coppa del Mondo (e il povero Reus è stato qui prima). La prognosi iniziale di domenica mattina era più promettente, con il direttore sportivo Sebastian Kehl che ha suggerito che mancherà “tre settimane” anziché mesi.

È stata una prima settimana difficile alla guida del Lipsia per Marco Rose: dopo aver incontrato un ex club a Dortmund e poi essere andato al Real Madrid a metà settimana, ha portato la sua squadra in un altro ex club a Mönchengladbach, dove lui (e l’ex Gladbach, futuro Il direttore sportivo del Lipsia Max Eberl) sono stati accolti con cori e striscioni di tale ostilità che l’arbitro Patrick Ittrich ha fatto rimuovere quest’ultimo, con una certa contesa, prima di consentire il proseguimento della partita. Ciò ha in parte oscurato una seconda pesante sconfitta in trasferta in quattro giorni, con i due gol di Jonas Hofmann per i padroni di casa che hanno reso la giornata miserabile a tutto tondo per Rose.

Leave a Comment