La star di All Whites Liberato Cacace vive un sogno d’infanzia in Italia

La star di All Whites Liberato Cacace ha avuto una semplice richiesta per il suo agente quando il club italiano Empoli ha espresso interesse a ingaggiarlo a gennaio: “Prova a farlo”.

Cacace ha fatto la storia quando è diventato il primo neozelandese a giocare in Serie A italiana dopo essersi assicurato un prestito a breve termine dal club della Lega belga Sint Truiden il giorno della scadenza del trasferimento.

Il 21enne terzino sinistro ha detto che l’Empoli ha presentato la sua offerta molto tardi nella finestra. Non c’era stato alcun interesse a una settimana dalla fine, quindi ha pensato che probabilmente avrebbe dovuto vedere la stagione in Belgio.

Il terzino sinistro dell'Empoli Liberato Cacace, a destra, lotta per il possesso palla con Kévin Malcuit del Napoli durante l'incontro di Serie A.

Gabriele Maltinti/Getty Images

Il terzino sinistro dell’Empoli Liberato Cacace, a destra, lotta per il possesso palla con Kévin Malcuit del Napoli durante l’incontro di Serie A.

Ma le cose si sono mosse molto velocemente quando Riccardo Marchizza si è infortunato a fine stagione contro la Roma il 24 gennaio, costringendo l’Empoli a entrare nel mercato per firmare un sostituto.

LEGGI DI PIÙ:
* Esordio in Serie A un momento emozionante per Liberato Cacace e la sua famiglia
* Cosa rende così speciale il passaggio di Liberato Cacace all’Empoli, club di Serie A
* Come il club belga Sint-Truiden ha ottenuto Liberato Cacace, star del Wellington Phoenix

“Ero concentrato sul mio calcio in Belgio. Stavamo giocando partite infrasettimanali, di solito due o tre a settimana, ma ovviamente ho tenuto d’occhio anche la finestra di trasferimento, per vedere cosa stava succedendo”, ha detto Cacace.

“Stavo parlando con il mio agente ma non è venuto fuori nulla nemmeno una settimana prima della chiusura, quindi ho pensato che sarei rimasto in Belgio per il resto della stagione.

“Ma poi con tre o quattro giorni rimasti alla finestra è emerso un certo interesse e sapendo che proveniva dall’Italia è stata una decisione che non potevo rifiutare.

COSE

Il difensore All Whites Liberato Cacace rivela come è avvenuto il suo trasferimento in Italia.

“Ho sempre detto a tutti che era un mio sogno giocare in Italia, quindi una volta che è arrivata la notizia ho detto al mio agente ‘prova a farlo’.

“Sono molto grato che Sint-Truiden mi abbia dato l’opportunità di giocare in Europa e vorrei poter fare un po’ di più lì, non credo di aver mostrato tutte le mie capacità, come se non avessi segnato un gol in Belgio.

“Verso la fine stava diventando piuttosto difficile, ma una volta arrivata quell’opportunità mi sentivo pronto e avevo bisogno di un nuovo inizio, e non c’era modo migliore che andare in Italia”.

Cacace ha esordito una settimana dopo nello 0-0 contro il Bologna, sostituendo Fabiano Parisi a 20 minuti dalla fine della partita.

Liberato Cacace ha sostenuto due club in crescita: Napoli e Wellington Phoenix.

PHILLIP ROLLO/Roba

Liberato Cacace ha sostenuto due club in crescita: Napoli e Wellington Phoenix.

Il suo primo inizio è arrivato tre partite dopo, nella sconfitta per 3-2 contro la Juventus, 36 volte campionessa.

Era la prima volta che scendeva in campo allo Stadio Carlo Castellani di Empoli.

“Nei pochi giorni che precedono il gioco non pensi che sia davvero incredibile finché non sei fianco a fianco con loro nel tunnel.

“È lì che ho capito ‘wow, ho fatto molta strada.’ Ma sorrido e lo uso come motivazione nel gioco.

“Sono contento di aver condiviso il campo con grandi squadre”.

Cacace è stato incaricato di marcare il nazionale colombiano Juan Cuadrado quando l’Empoli ha giocato contro la Juventus, un giocatore con più di 400 presenze professionali al suo attivo.

“Stavamo cercando di implementare una stampa alta, ma è uno dei clienti più difficili con cui mi sia mai imbattuto. Ma ovviamente è stato bello vedere davvero come sono contro avversari di livello mondiale”.

Cacace è entrato e uscito dall’XI titolare sin dal suo arrivo, collezionando otto presenze e quattro partenze, ma ha detto che lo stile del gioco ha richiesto un po’ di tempo per abituarsi.

Liberato Cacace ha esordito in Serie A contro il Bologna a febbraio.

Gabriele Maltinti/Getty Images

Liberato Cacace ha esordito in Serie A contro il Bologna a febbraio.

Ha detto che il ritmo del gioco non era veloce come in Belgio, ma i giocatori erano tecnicamente migliori sulla palla, costringendo il duro terzino a lavorare di più sul lato difensivo del suo gioco.

“Penso di essere migliorato molto con le mie capacità difensive. Penso di essere stato beccato alcune volte, ma ho imparato molto con questi allenatori qui.

“Quando ho firmato non pensavo che sarei stato buttato lì così presto. Penso di aver fatto forse tre o quattro allenamenti e poi sono stato in panchina contro il Bologna e ho esordito.

Liberato Cacace è passato all'Empoli dal club belga della Pro League Sint-Truiden.

Jeroen Meuwsen/Getty Images

Liberato Cacace è passato all’Empoli dal club belga della Pro League Sint-Truiden.

“Ma essere buttato dentro così presto mi ha fatto adattare meglio e ha mantenuto il mio ritmo di gioco.

“Questa è una novità per me, giocare una partita e saltare l’altra, ma sono stato solo grato di iniziare contro le grandi squadre e di giocare in Serie A e spero di poter davvero andare avanti la prossima stagione”.

Cacace è cresciuto tifoso del Napoli da ragazzo e ha ancora una famiglia che vive a Napoli, inclusa sua nonna, che visita ogni volta che può.

Ha detto che è stato surreale giocare contro di loro il 25 aprile, con Cacace che ha aiutato l’Empoli a ribaltare uno svantaggio di due gol per strappare una vittoria per 3-2.

Il risultato è stato significativo per un paio di ragioni in quanto ha deluso le speranze del Napoli di vincere il campionato, ma ha anche fatto molto per garantire la sopravvivenza dell’Empoli dopo aver guadagnato la promozione dalla Serie B la scorsa stagione.

Non sono partito contro di loro ma volevo almeno condividere il campo con il Napoli. Crescere sostenendo loro e tutta la mia famiglia che vive a Napoli, è stata una bella sensazione e anche batterli è stato strano.

“Ovviamente voglio che facciano bene in campionato, ma io sono qui con l’Empoli e all’epoca non avevamo la sicurezza in campionato quindi sono stato felice di fare la mia parte e dare una svolta al gioco”.

Oltre ad avere la possibilità di riconnettersi con alcuni membri della sua famiglia allargata in Italia, Cacace è stato anche impegnato nell’apprendimento della lingua.

Ha ammesso che molte persone in Italia avevano appena pensato che parlasse correntemente l’italiano perché aveva un nome italiano ed era di origine italiana.

Liberato Cacace festeggia dopo aver segnato il suo primo gol con la Nuova Zelanda durante il torneo di qualificazione alla Coppa del Mondo OFC.

Tom Kirkwood/Photosport

Liberato Cacace festeggia dopo aver segnato il suo primo gol con la Nuova Zelanda durante il torneo di qualificazione alla Coppa del Mondo OFC.

Conosceva alcune parole ma la sua prima conferenza stampa era principalmente in inglese e condotta tramite un traduttore.

“All’inizio era divertente perché pensavano che sapessi parlare italiano, ma in questo mi hanno aiutato molto. Anche se all’inizio era arrugginito, è migliorato molto e la mia comunicazione con i giocatori, lo staff ecc. è stata migliore di quanto pensassi. È stato interessante, ma spero di poter parlare correntemente entro la fine dell’anno”.

Evitando la retrocessione, l’Empoli ha attivato una clausola che significa che ora è obbligato a firmare Cacace a titolo definitivo.

Dopo aver fatto la storia come primo neozelandese a giocare in Serie A maschile – l’attaccante del Football Ferns Katie Rood ha giocato per la squadra femminile della Juventus nel 2017 – Cacace ha detto che non vedeva l’ora di raggiungere altri traguardi nelle prossime stagioni in Italia.

“Non mi ha davvero colpito il fatto di essere stato il primo kiwi, ma con il passare del tempo è diventato molto speciale per me guardarlo indietro.

È stato un momento molto speciale per me e la mia famiglia, ma spero di poter continuare a raggiungere obiettivi, essere il primo a segnare e cose del genere.

“Sto solo cavalcando questo mio sogno e spero di poter continuare a migliorare sempre di più.”

Leave a Comment