Prima Haaland, ora Lewandowski? La fuga di talenti della Bundesliga

La Germania vanta uno dei campionati più supportati in Europa, ma sta perdendo superstar a un ritmo allarmante

Perdere uno dei tuoi migliori attaccanti, la Bundesliga, può essere considerata una disgrazia; perdere entrambi sembra negligenza.

I fan della massima serie tedesca si stavano riprendendo dalla tanto attesa partenza di Erling Haaland, dopo l’annuncio che si unirà al Manchester City quest’estate, quando hanno colpito con la notizia molto più sorprendente che anche Robert Lewandowski del Bayern Monaco vuole andarsene.

Il nazionale polacco ha ancora un anno di contratto con l’Allianz Arena, ma ora chiede un trasferimento estivo.

“La mia storia al Bayern è finita”, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa. “Dopo tutto quello che è successo in questi mesi, non riesco a immaginare un’ulteriore buona collaborazione.

“Il Bayern è un club serio e spero che non mi trattenga solo perché può. Un trasferimento è la soluzione migliore per tutte le parti”.

Per anni, la Bundesliga è stata uno dei campionati più forti e divertenti d’Europa, eppure è in uno stato più pericoloso di quanto non lo fosse da tempo.

Ovviamente, Lewandowski e Haaland non sono l’essere tutto e la fine di tutta la Bundesliga, ma sono indiscutibilmente le due più grandi star mondiali della divisione, i due nomi familiari, e la partenza di entrambi nella stessa estate è uno scenario preoccupante per Calcio tedesco.

Robert Lewandowski Erling Haaland Bayern Monaco Dortmund 2021-22 GFX

Getty/GOAL

In effetti, non sono solo i giocatori di alto livello che sembrano essere in via di uscita, ma anche il livello successivo di talento.

Christopher Nkunku, che ha battuto Lewandowski al premio di giocatore dell’anno della Bundesliga dopo la sua fenomenale stagione in testa alla linea per l’RB Lipsia, è fortemente legato a Chelsea, Manchester United e PSG.

Un’altra potenziale uscita è Jude Bellingham, una delle più grandi star del campionato da quando è arrivato al Dortmund dal Birmingham City.

È più probabile che il nazionale inglese si trasferirà la prossima estate, probabilmente dopo Jadon Sancho in Premier League, ma sembra inevitabile che il suo futuro a lungo termine sia lontano dalla Germania.

Sembra che ci sia una fuga di talenti in corso in Germania in questo momento, una fuga che eroderà solo ulteriormente una reputazione che è andata diminuendo all’estero a causa di alcune esportazioni piuttosto tipiche.

Ad esempio, il trio del Chelsea composto da Timo Werner, Christian Pulisic e Kai Havertz – nonostante il gol della finale di Champions League di quest’ultimo – ha deluso in Inghilterra, il che significa che lo standard generale della Bundesliga deve essere messo in discussione.

Un argomento comune all’interno del calcio tedesco è che i club non possono offrire lo stesso tipo di stipendi delle squadre più grandi in Inghilterra e Spagna, ma almeno per il Bayern, questo non è un problema.

I bavaresi hanno pagato Lucas Hernandez più di 15 milioni di euro (13 milioni di sterline/16 milioni di dollari) all’anno dal 2019 e, secondo quanto riferito, Sadio Mane ha offerto 20 milioni di euro (17 milioni di sterline/21 milioni di dollari) all’anno per unirsi a loro dal Liverpool.

Il problema più grande per il Bayern è che non vuole pagare decine di milioni di euro quando si tratta di commissioni di trasferimento, soprattutto per i giovani.

Lucas Hernandez Bayern Monaco 2021-22 GFX

Getty/GOAL

Alcuni anni fa, i più grandi talenti tedeschi come Mario Gotze, Manuel Neuer o Jerome Boateng erano abbastanza economici da essere accaparrati a Monaco, ma non è più così a causa dell’inflazione di mercato causata dal vecchio ordine europeo che cerca di stare al passo con lo stato -super club sostenuti.

Pertanto, i migliori talenti delle classifiche medio-alte della Bundesliga – Dortmund, Leverkusen, Hoffenheim e così via – si trasferiscono invece all’estero. Non c’è più una fuga di talenti in Germania, ma fuori da essa.

I club della Bundesliga, a loro volta, sanno di non poter attirare giocatori d’élite lontano dall’Inghilterra, dalla Spagna e nemmeno dall’Italia.

La Ligue 1 è diventata il centro commerciale preferito, poiché la maggior parte dei club tedeschi sa che è l’unico degli altri massimi campionati europei che potrebbe essere interpretato come un livello inferiore alla Bundesliga.

Allora, quale sarà il futuro del calcio tedesco? Certamente, non esiste una soluzione ovvia a breve termine per i migliori talenti che vogliono uscire. L’eccesso di conservatorismo del Bayern quando si tratta di finanze è un fattore importante.

Potrebbero pagare i soldi per ottenere artisti del calibro del prodigioso Leverkusen Florian Wirtz, ma la sensazione è che sia più importante per loro evitare di subire una perdita finanziaria in un dato anno. Ma se non rischiano qualcosa, non otterranno giocatori come Wirtz in futuro.

Per anni, il Bayern è stato accusato di aver attirato i migliori talenti lontano dal resto della Bundesliga, sventrando i club a metà classifica e trasformando il campionato in una parata a squadre che scoraggia i tifosi e persino i potenziali giocatori.

Tuttavia, negli ultimi 10 anni in cui il Bayern ha vinto tutte le Bundesliga, ha acquistato 21 giocatori della massima serie tedesca per un costo combinato di 238,2 milioni di euro (203 milioni di sterline/255 milioni di dollari).

Il Dortmund, nel frattempo, ha acquistato 29 giocatori da rivali di campionato, per un totale di 386,2 milioni di euro (329 milioni di sterline/413 milioni di dollari) – quasi 150 milioni di euro (128 milioni di sterline/160 milioni di dollari) in più.

Ilkay Gundogan Dortmund GFX

Getty/GOAL

Questa si è rivelata una strategia imprevedibile per il Dortmund: da un lato, hanno raccolto artisti del calibro di Ilkay Gundogan e Marco Reus; dall’altro hanno avuto flop come Maxi Philipp e Jeremy Toljan.

Tuttavia, stanno ancora cercando di raccogliere i migliori giocatori che la Germania ha da offrire. Nico Schlotterbeck, che ha interessato anche il Bayern, è stato reclutato da Friburgo, insieme a Salih Ozcan di Colonia.

È più probabile che la Bundesliga rimanga un banco di prova per i giovani talenti in arrivo – come Joshua Kimmich, Serge Gnabry e Leon Goretzka erano al Bayern e Bellingham al Dortmund – e un posto per coloro che non sono stati all’altezza altrove per ripristinare la propria reputazione, come Arjen Robben in passato e Leroy Sane adesso.

Il problema è che significa che la Bundesliga non è una destinazione ma un trampolino di lancio per i migliori giocatori.

La prossima estate non sarà il Bayern a pagare 100 milioni di euro per il Bellingham: sarà il Real Madrid, o uno dei big six della Premier League.

Che ora questo si applichi anche alle poche stelle affermate di livello mondiale del campionato è stato molto importante per il calcio tedesco.

Per il Bayern, sempre più giocatori vogliono vedere qualcosa di diverso. David Alaba, Thiago Alcantara e ora Lewandowski, probabilmente i loro tre giocatori più grandi, potrebbero sparire tutti entro due anni.

Questa è una cosa completamente nuova per loro. Durante le prime sette stagioni della loro attuale serie di predominio, l’unico esempio di un giocatore chiave che si è trasferito è stato Toni Kroos al Madrid – ora è quasi annuale.

La cosa più inquietante di tutte, però, da una prospettiva più ampia del calcio tedesco, è che potrebbe non avere nulla a che fare con i soldi, ma con la noia.

Robert Lewandowski Bayern Monaco 2021-22 GFX

Getty/GOAL

Vincere lo scudetto è diventata una routine per Lewandowski, non sorprende che voglia fare qualcosa di nuovo.

Combina questo con l’evidenza dell’interruzione dietro le quinte – lui, Alaba e persino Neuer a volte hanno espresso dispiacere per la gestione del Bayern sotto Oliver Kahn, Herbert Hainer e Hasan Salihamidzic – e sta diventando più chiaro che questo è un problema che nemmeno i soldi possono risolvere .

Questo è entrato in campo, con Bayern e Dortmund che hanno subito imbarazzanti uscite europee all’inizio.

I primi sono stati sbalorditi nei quarti di finale di Champions League dal Villarreal; quest’ultimo non è nemmeno uscito dalla fase a gironi prima di essere eliminato sonoramente dai Rangers dall’Europa League.

Naturalmente, ci sono contro-argomentazioni contro il fatto che la Bundesliga sia una voragine di talenti al momento, con prove a sostegno.

L’Eintracht Frankfurt è campione di Europa League, dopo aver battuto il Barcellona lungo la strada, sconfitto gli avversari della Premier League nel West Ham prima di sconfiggere i Rangers in finale davanti a decine di migliaia di fan in camicia bianca.

Tuttavia, una vittoria ai calci di rigore in finale non può riparare completamente lo stato preoccupante della partita nazionale tedesca.

L’enorme positivo della Bundesliga rimane che, tra i primi cinque campionati europei, offre l’ambiente migliore per guardare il calcio: stadi universalmente fantastici, folle appassionate e prezzi ampiamente convenienti.

Tuttavia, se non hai i tuoi migliori giocatori disponibili da guardare, nemmeno le migliori strutture possono rimediare.

.

Leave a Comment