Quello che ha fatto Reiss Nelson nella finale di Europa Conference League quando l’Arsenal ha preso la decisione di Nicolas Pepe

Il calcio è un gioco con margini sottili e ci sono alcuni giocatori che lo dimostrano più di Reiss Nelson. Dopo essere tornato all’Arsenal dopo un periodo di prestito di successo con l’Hoffenheim, l’Hale Ender è stato consegnato in Premier Leagu da Un Emery e ha colto l’occasione nel secondo quando ha battuto in casa il Burnley. Mentre si allontanava per festeggiare, anche se la vista della bandiera di un assistente al sollevamento è stata ciò che lo ha salutato poiché Nacho Monreal è stato dichiarato in fuorigioco durante l’accumulo. Nelson è stato tolto all’intervallo e non avrebbe iniziato un’altra partita di campionato per quattro mesi.

Queste rasature ravvicinate hanno definito la sua carriera nei Gunners la stagione successiva. Ogni volta che l’esterno sembrava prendere slancio, veniva colpito crudelmente da un fastidioso infortunio. Nonostante abbia espresso la sua ammirazione per l’ala, Mikel Arteta ha ammesso che non c’era molto di più che Nelson poteva fare per ottenere più tempo di gioco delle otto presenze che gli erano state assegnate. “E’ un ragazzo che si sforza molto, si allena tutti i giorni, vuole fare extra tutto il tempo”, ha detto lo spagnolo. “In questo momento è molto difficile con i giocatori in cui dobbiamo essere in grado di inserirlo. Mi dispiace che non abbiamo altre competizioni in cui usarlo, perché merita di più. Non gioca di più e questo è il mio colpa.”

Mentre la campagna volgeva al termine, era impossibile non chiedersi cosa avrebbe potuto fare Nelson se gli fosse stata data la possibilità di mettersi regolarmente alla prova a livello senior. Avendo finalmente avuto questa opportunità in prestito al Feyenoord in questa stagione, è sicuro dire che il giovane dei Gunners l’ha afferrata con entrambe le mani.

LEGGI DI PIÙ:L’Arsenal prende la decisione di trasferire Cedric Soares in mezzo all’incertezza sulla posizione di terzino destro

Tuttavia, ci è voluto un po’ di tempo prima che le cose andassero bene. Essendo arrivato in ritardo alla finestra, non avrebbe fatto il suo primo inizio in Olanda fino a dicembre dopo aver subito un infortunio all’inguine in allenamento. Dopo le sue frustrazioni nelle stagioni precedenti, sarebbe stato facile per il 22enne scoraggiarsi, ma è stato a questo punto che la sua mentalità impressionante ha brillato. Di fronte alle avversità, Nelson decise che avrebbe iniziato ad acclimatare il suo corpo ai rigori del normale calcio in prima squadra e si mise a fare un lavoro extra con lo staff tecnico del Feyenoord.

“L’intensità era piuttosto alta in allenamento. Dal lunedì al mercoledì sarebbe piuttosto difficile; all’Arsenal, lunedì e martedì, avremmo fatto più cose tecniche. Quindi ho dovuto adattarmi e con ciò sono arrivati ​​alcuni inconvenienti che ho dovuto trattare da solo”, ha detto al canale YouTube del Feyenoord.

“Ora sono in palestra un po’ prima e parto più tardi, per assicurarmi che quelle seccature non appaiano più. (Scienziati dello sport) Leigh (Egger), Tim (Janssen) e Ruben (Peeters) mi spingono ogni giorno e sto acquistando più fiducia nel fare cinque minuti di foam rolling, 10 minuti di stretching o quello che non faccio come… il bagno di ghiaccio. Sono le piccole cose che ti danno da 5 a 10 partite in più a stagione”.

Da quando è tornato indietro, ha continuato a godersi alcune delle più consistenti serie di partite da senior della sua carriera, iniziando ciascuna delle partite a eliminazione diretta del Feyenoord nella corsa alla finale di Europa Conference League e partecipando regolarmente mentre la squadra di Arne Slot si assicurava il calcio europeo nel Eredivisie. In questo periodo ha dimostrato il prodotto finale del suo gioco che lo ha sempre reso una prospettiva così entusiasmante, gestendo quattro gol e sette assist.

Ha in gran parte diviso il suo tempo in Olanda tra l’ala sinistra e quella destra, ma più recentemente Slot lo ha utilizzato in quest’ultima posizione. L’allenatore olandese utilizza Lutsharel Geertruida come terzino destro invertito in modo simile a come opera Takehiro Tomiyasu per l’Arsenal. Ciò significa che l’enfasi è occasionalmente su Nelson per mantenere l’ampiezza della squadra, il che gli consente di mostrare le sue capacità di ala ortodossa.

Questo è in piena visualizzazione nella clip qui sotto. Nelson riceve la palla in transizione durante la partita del Feyenoord con Fortuna Sittard e deve affrontare l’ex terzino del Norwich Ivo Pinto. Invece di cercare di andare alla deriva sul campo, usa il ritmo per guidare verso la linea di fondo.



Nelson Reiss in azione per il Feyenoord in Eredivisie

Arrivato lì, gioca un pallone basso di precisione su Geertruida, che ha preso una posizione centrale nell’area, e il difensore olandese spara a casa.



Nelson Reiss in azione per il Feyenoord in Eredivisie
Nelson Reiss in azione per il Feyenoord in Eredivisie

Lungi dal farlo solo contro squadre minori dell’Eredivise, Nelson ha dimostrato di essere ugualmente capace di farlo sul grande palco. Durante la finale di Europa Conference League con la Roma di mercoledì sera, il nazionale inglese under 21 ha causato molti problemi a Nicola Zalewski portando sulla linea di fondo.

Lungi dall’essere solo un’ala della vecchia scuola, Nelson è anche in grado di tagliare dentro come gli attaccanti moderni tendono a fare da aree più ampie. Allo scadere dell’intervallo ha forzato probabilmente la migliore occasione per il Feyenoord di un primo periodo cauto sfondando il muro della Roma e sferrando un tiro di sinistro dal limite dell’area che avrebbe potuto causare problemi al Rio Patricio se Rick Karsdorp non fosse riuscito a superare brillantemente per bloccare.

Questa versatilità nell’approccio contrasta con le ali più prevedibili della squadra dell’Arsenal come Nicolas Pepe e potrebbe essere un’utile aggiunta per Arteta nella prossima stagione. Lo spagnolo ha ricevuto informazioni dall’allenatore in prestito Ben Knapper, che era presente alla semifinale di ritorno della Conference League con il Marsiglia, e avrebbe sicuramente notato anche quanto la squadra difensiva del gioco di Nelson sia migliorata in Olanda.

Il 22enne è sempre stato un impressionante ad alta pressione, avendo trascorso del tempo in Germania. Ciò è stato dimostrato dal suo gol vincente contro il Liverpool nella partita di riavvio del progetto all’Emirates Stadium. Tuttavia, quest’anno, con l’approccio aggressivo del Feyenoord per riconquistare il possesso, sembra essere salito di un altro livello, gestendo 2,54 intercettazioni ogni 90 rispetto a 1,68 della scorsa stagione.

Il Feyenoord è stato così colpito dalle prestazioni di Nelson che vorrebbe tenerlo oltre questa stagione, ma la situazione contrattuale dell’Hale Ender significa che è improbabile. “In un anno di contratto finale, non prestano più giocatori”, ha detto il direttore tecnico del club Frank Arnesen. “Mantenere Nelson, per noi è quasi impossibile”.

Di conseguenza è destinato a tornare nel nord di Londra in estate, dove, a soli 12 mesi dalla fine del contratto, si trova in una sorta di vicolo cieco nella sua carriera. Secondo quanto riferito, l’Arsenal è impressionato da ciò che Nelson ha fatto in Olanda e con Pepe desideroso di andarsene quest’estate, l’Hale Ender potrebbe ancora avere un ruolo da svolgere per i Gunners.

È caduto ancora una volta dalla parte sbagliata di un margine sottile mercoledì sera quando la Roma di Jose Mourinho, ispirata alla difesa, alla fine ha battuto il Feyenoord 1-0 a Tirana. Anche se ci vorrà del tempo per riprendersi da quel crepacuore, Nelson può trovare conforto nel fatto che il meglio potrebbe ancora arrivare.

.

Leave a Comment